19 nov 2010

Pendolare per scelta!

Alcuni sono comodi, puliti e rapidi. Altri non riescono a superare certe velocità e le loro carrozze, prodotte nei tempi andati, hanno già viaggiato a lungo e ora si trascinano con una lentezza che può sembrare esasperante. Qualcuno va ancora a vapore, moltri altri a propulsione diesel a altri ancora sono sospinti dal silenzio dell'energia elettrica, ciascuno sembra avere un carattere e una natura propria, eppure su ciascuno di essi, pare provare una familiarità e un agio che altrove ci vengono con ostinazione negati.

Ogni mattina salgo su un treno: quello delle 08:16 solo un quarto d'ora e sono a destinazione... un quarto d'ora dove il paesaggio così familiare che intravedo dai finestrini sembra ogni giorno diverso! Si riesce ad ascoltare brandelli di discorsi, frammenti di parole che sono, o ci paiono, pronunciati dai nostri compagni di viaggio. Quelle parole si sovrappongono l'una all'altra componendo, dentro di noi, un senso quasi surreale. Davanti a me trovo i volti dei miei compagni di viaggio occasionali e li osservo cercando di carpire le loro storie, si tratta di incontri casuali nati dall'urto di spalla contro spalla o dall'offerta di aiuto per sollevare un bagaglio che pesa troppo (chissà mai che conterrà...) altre volte non si sa neppure come sia cominciato il discorso si sta lì a parlare e basta.
Ogni sera arrivo alla stazione centrale ed osservo il cartellone delle partenze per vedere quale treno riesco a prendere (come se non sapessi gli orari dei treni?!). Ma gli orari ferroviari sono il mondo del possibile. Ciascuno scorrendoli può fantasticare su quel che potrebbe fare. Le infinite colonne di numeri, in grassetto o in corsivo, lasciano presagire infinite partenze e arrivi in città e paesi. Salgo sl treno, di solito quello delle 18.32 solo un quarto d'ora e sono a destinazione... un quarto d'ora dove il paesaggio così familiare che intravedo dai finestrini sembra ogni giorno diverso, diverso anche dalla mattina stessa!

Bè va anche detto che i treni sono perennemente in ritardo, non sempre confortevoli, e che "Trenitalia si scusa per il disagio" ormai è un pò troppo abusato, ma nonostante ciò sono fiera di far parte di quella parte di pendolari che per studio o per lavoro sceglie il treno come alternativa all'auto!!! E' un buon modo per inquinare meno scegliendo un mezzo alternativo sostenibile e poi non c'è paragone per quanto riguarda il contatto umano!

13 nov 2010

Un Sabato mattina da fattucchiera

Buongiorno sabato un po grigio ma per fortuna senza pioggia!!!

I semi di lino sono stati a mollo per una notte così sono pronti per essere messi in un pentolino e fatti bollire con il succo di un bel limone da agricoltura biologica!! Lasciamo raffreddare il tutto e poi con molta pazienza filtriamo con un bel colino a maglie strette...una bella bavetta giallognola che non fà proprio una bella figura è il risultato della filtrazione. Aggiungo un pò di gocce dell'estratto di vaniglia fatto qualche mese fà, verso nel contenitore per fare i cubetti di ghiaccio, copro con la pellicola trasparente e metto tutto in frizer!!! Ecco fra qualche ora potrò usare il mio GEL AI SEMI DI LINO PER CAPELLI RICCI!!!

Un sabato mattina qualunque passato fra il dolce aroma di semi di lino...ecco qulache informazione in più sulla cura dei capelli:

Il segreto per capelli lucenti e vigorosi? È racchiuso in due semi che risalgono a migliaia e migliaia di anni fa: il lino e il frumento. Col loro olio massaggiamoli: li proteggeremo così in città da smog e inquinamento e al mare dal sole e dall’acqua salata.
Chi di voi già si cura con prodotti fitoterapici si sarà senz’altro già imbattuto nei semi di lino: vengono spesso consigliati per la loro azione emolliente, dinsinfiammante e lassante. Se spremuti, poi, danno un olio ricchissimo di grassi omega 3, indispensabili per l’integrità delle membrane cellulari. Già Ippocrate, padre della medicina, ne raccomandava l’uso. La pianta di lino infatti è stata probabilmente una delle prime piante ad essere utilizzata a scopo terapeutico oltre ad essere impiegata in campo tessile. Il grano, invece, è coltivato da millenni per l’alimentazione umana. Perché non utilizzarlo con l’olio di lino, come ci spiega qui di seguito il dott. Roberto Bianchi, anche per “sfamare” i nostri capelli? I capelli, forse non sapete, sono lo specchio del nostro fegato. Se questo è in difficoltà, o in condizioni di stress epatico, la nostra capigliatura lo segnala. Se i vostri capelli sono troppo secchi, troppo grassi o con forfora vi consiglio quindi di verificare la vostra funzionalità epatica attraverso un test ematico di Heitan, oltre naturalmente a intervenire a livello locale. Particolarmente indicati sono gli shampoo all’ortica per capelli grassi e alla camomilla o all’aloe per quelli secchi. Per nutrirli, proteggerli dagli agenti esterni e donar loro lucentezza sono inoltre ottimi sia l’olio di semi di lino che quello di germe di grano. Non temete: i vostri capelli non rimarranno unti! Prenderanno invece vigore, si ammorbidiranno. Passate con delicatezza qualche goccia di olio sulle lunghezze e sfregate delicatamente; la cute va invece massaggiata con cura. Vi consiglio inoltre, per rinvigorire la vostra capigliatura, di utilizzare gel ai minerali: non dimentichiamo infatti che se siamo in carenza di qualche sale minerale (in particolare ferro, zinco, rame e alcune vitamine come la B6) i nostri capelli ne risentono. Secondo la medicina tradizionale cinese l’insorgenza di capelli bianchi è legata a una carenza di sali minerali per reni energeticamente scarichi. Se l’incanutimento dei capelli è da attribuirsi a disfunzionalità renali, lo stempiamento ha invece a che fare con una cattiva funzionlità epatica. I controlli a questi due organi sono d’obbligo. Un’ultima precauzione: evitate di tingervi i capelli con prodotti chimici, privilegiate invece gli henné naturali che evitano di intossicare il capello con metalli pesanti e idrocarburi tossici.
[a cura di Alessandra Mariotti]

31 ott 2010

Cade la pioggia...

Cade la pioggia e tutto lava
cancella le mie stesse ossa
cade la pioggia e tutto casca
e scivolo sull'acqua sporca
si ma a te che importa e poi
rinfrescati se vuoi
[...]
cade la pioggia e tutto tace
lo vedi sento anch'io la pace
cade la pioggia e questa pace è solo acqua sporca e brace c'è aria fredda
intorno a noi abbracciami se vuoi
[...]la mia pelle è carta bianca per il tuo racconto scrivi tu la fine, io sono pronto
non voglio stare sulla soglia della nostra vita guardare che è finita
nuvole che passano e scaricano pioggia come sassi
e ad ogni passo noi dimentichiamo i nostri passi
la strada che noi abbiamo fatto insieme
gettando sulla pietra il nostro seme
[...]
tu non ricordi ma eravamo noi
quei due abbracciati fermi nella pioggia
mentre tutti correvano al riparo
[...] 
(Negramaro-Jovanotti)
Domenica malinconica sotto questa pioggia che non ti strappa un sorriso nemmeno a pagarlo! Il tempo non scorre rimane fermo come incantato, intrappolato in ogni goccia che cade... A cosa dedicarsi in queste infinite domeniche autunnali? Per fortuna i pensieri non rimangono prigionieri dei cristalli di pioggia e viaggiano liberi nella realtà soleggiata e fresca di leggere brezze del mio essere, raccolgo le idee, immagino i giorni futuri, pianifico i prossimi progetti da portare a termine..guardo la finestra: fuori e buio e il cielo non è intensionato a smettere di piangere ma la mia bocca si inarca verso l'alto, forse è un sorriso, forse una smorfia di scoraggiamento...voglio pensare che sia un sorriso, il sorriso del mio essere ed ecco che una giornata malinconica possa diventare piacevole all'interno dove tutto è sereno!!


22 ott 2010

Mercato dei tesori!

Ieri giovedì 21 Ottobre era San Luca e nella mia città è tempo di fiera e di mercato!!! Armata di curiosità vado a fare un giro..il freddo pungente delle ultime ore non mi invoglia più di tanto a soffermarmi e i banchi di cinesi con tutte cose uguali neppure...Un rallentamento ad un banco che vende solo bottoni mi fa tornare la speranza che tornerò a a casa con la borsa piena ma nessuno di qugli oggetti bucati attira la mia attenzione! Ormai scoraggiata verso la fine intravedo un banco di merceria..molto interessante, tanta lana, tanto acrilico ma anche LANA BIO-ECOLOGICA in quattro tonalità nature !!! Cinque gomitoli marrone-grigiastro (l'etichetta indica color nocciola) sono miei il resto penso che lo prenderò al prossimo mercato!!!
Dentro la busta contenente i gomitoli (in tutto 1/2Kg) trovo un cartoncino con su scritto:
La nostra lana bio ecologica è un filato composto di lana Merino e lana Moretta.
Questo filato è a bassisimo impatto ambientale perchè non trattato chimicamente non tinto, si riducono quindi i rischi di allergie e malattie.
Per la sua realizzazione vengono impiegate fibre di pura lana vergine che nascono già colorate nei toni del marrone, del nero e dei neutri; attraverso un'accurata selezione si è ottenuto un filato dai colori caldi e naturali.
Il vello utilizzato, dopo la tosa, viene solamente lavato a fondo e poi filato, ottenendo una lana morbida e in sintonia con la natura.
Per mantenere intatta a lungo la sua morbidezza bisogna lavarlo in acqua fredda con sapone neutro, non deve essere strofinato nè strizzato.
BUON LAVORO...
www.filatitresfere.com

Non ho resistito ed ho provato a lavorarla...odora di pecora ed è morbidissima!!! A volte anche sui banchi di un comune mercato si trovano dei tesori!!!

29 set 2010

Campeggio... mon amour!!!

Adoro il campeggio in tenda!!!! E si questa è un'altra turba da ecologista..minimo impatto e aria aperta! Con la nostra canadese abbiamo girato tutta Italia..mare, montagna, collina... sole, pioggia, vento!!
Ma questa è un sogno:

appositamente progettata per i campeggiatori, questa tenda farà anche la parte di un grande elettrodomestico, con i suoi pannelli solari disposti in modo intelligente. Questa tenda disegnata da Orange UK, in collaborazione con una società di consulenza americana Caleidoscopio, ha tre pannelli solari orientabili. L’idea è che i pannelli siano adatti a catturare e raggiungere il massimo di fotoni solari. Tutto è stato progettato per la massima comodità e autonomia. Il cuore del sistema è la tasca laterale progettata per ricevere i vari dispositivi mobili, infatti, la tecnologia senza fili è riposta qui con il ricaricamento dei dispositivi di induzione magnetica. Un’altra funzione interessante, è la Global Education, un dispositivo che permette di trovare la tenda nel buio, infatti, inviando un semplice SMS, si attiva automaticamente l’illuminazione nella tenda, che vi permette di trovarla rapidamente. Per finire, le signore apprezzeranno che la tenda ha il sistema di riscaldamento in automatico, quando le notti saranno fresche, la temperatura si programmerà automaticamente.Decisamente poco vintage...ma me ne sono innamorata: ottimo connubio fra vita sana e società moderna!!!

22 set 2010

Estratto di vaniglia

La scorsa settimana al mercatino europeo della mia città ho comprato qualche stecca di vaniglia profumatissima ad un banchetto dove vendevano tutte erbe e spezie. La vaniglia in questione era la qualità Buorbon del Madagascar. Con cotanta meraviglia fra le mani non potevo certo sfruttarla in malo modo! Così vodka alla mano ho deciso di farne un estratto...per aromatizzare dolci e profumare i miei cosmetici casalinghi!

Vaniglia homemade:
Ho aperto le stecche nel senso della lunghezza, le ho spezzettate e messe in una bottiglia scura ben lavata (ho usato il metabisolfito per pulirla bene) ho ricoperto la vaniglia con 250 ml di vodka pura (40% di alcool).






Su questo sito molto carino La ciliegina sulla torta e con mille ricette che primo o poi farò ho trovato lo stesso procedimento (cambiano solo le dosi) a cui mi sono "ispirata" e un link molto interessante sulle tecniche di estrazioni e altre notizie molto interessanti proprio sull'estratto stesso.
Un profumo esotico e davvero inebriante...

Pantofole per l'inverno!

Oggi ultimo giorno di estate penso all'inverno! Così ai più freddolosi ho deciso di regalare delle calde scarpette da casa fatte con le mie manine.
Sonia slippers - black
Il pattern originale è di Lisa Gutierrez e le scarpette in questione sono le famose Mary Jane Slippers!!!
Un paio per le mie amiche, un paio a mia sorella, qualche regalo...e se mi avanzerà un pò di lana le farò anche per me!! Per vedere qualche altra foto potete guardare il set Sonja slippers su Flickr  sempre in aggiornamento!!
La cosa piacevole nel realizzare qualcosa per gli altri è cercare di capire la persona per creare un oggetto personale che la rispecchi e in cui si identifichi. Mettere in evidenza un lato del suo essere anche solo in una scarpetta da casa significa conoscere bene i gusti e i pensieri di chi ti sta vicino...a me piace da impazzire!

10 set 2010

Fiori di primavera...

Non so cosa mi sia preso ma ieri ho cominciato a fare dei piccoli fiori con la lana avanzata dall'anno passato con l'uncinetto: bianchi, viola, violetti, blu...
Non ho idea di che cosa ci farò, forse una sciarpa, o magari una borsa o .... non sò qualcosa mi inventerò nel frattempo vi lascio le istruzioni per questi semplici ma molto carini fiorellini da poter applicare ovonque per dare un tocco fresco e brioso alle prossime giornate autunnali:
SCHEMA FIORE
4 cat, chiudere in cerchio con 1 mbs
Rnd 1: 2 cat (come mb), 7 mb nel cerchio, chiudere con 1 mbs
Rnd 2: 2 cat (come mb), 1 mb nel cerchio, [6 cat, 3 mb nel cerchio] rip per altre 5 volte, 1 mb nel cerchio, chiudere con una mbs
Rnd 3: [1mb, 1mma, 7 ma, 1mma, 1mb lavorate nell'arco formato dalle 6 cat] 1mbs nella seconda mb delle tre del giro precedente, rip per tutti e 6 gli archi, chiudere con una mbs. Tagliare il filo.

9 set 2010

Il sospiro

Giornata malinconica, forse sarà quest'estate che sembra finire.. forse è solo la mia testa un pò in confusione.. chissà! Certo è che mi devo rimboccare le maniche e dare sfogo alla mia creatività!!! Presto in arrivo qualche mia nuova sperimentazione.. intanto vi lascio con un sospiro...

5 ago 2010

L'alchimista è la mia vocazione ..... erbe e erbette il mio futuro!

Ciao a tutti!!  Mi chiamo Sonja... provetta erborista, sogno una vita minimal, attenta all'ambiente nel rispetto della terra e dei suoi abitanti.
L'alchimia è un antico sistema filosofico esoterico che combina elementi di chimica, fisica, astrologia, arte, semiotica, metallurgia, medicina, misticismo e religione. E' la ricerca costante di una nuova dimensione fra corpo e spirito..bè quando si tratta di ricerca e cambiamento mi metto volentieri in gioco! In questo blog voglio parlarvi di me, delle mie aspettative per il futuro e del continuo cambiamento per raggiungere la serenità con uno stile di vita sostenibile attento all'ambiente, lontano dal baccano di questa società moderna!

Sonja